Calendario delle lezioni del corso di Storia della filosofia francese moderna e contemporanea

Il corso di Storia della filosofia francese moderna e contemporanea (LT) inizierà il giorno 26 febbraio 2017. Le lezioni si terranno tutti i lunedì, martedì e mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 11 nel Plesso SP2 – Aula 5

EssaisMontaigne

Advertisements

Corso di Storia della filosofia francese moderna e contemporanea

Su FormazioneOnLine – Unisalento è ora disponibile il Corso di Storia della filosofia francese moderna e contemporanea. Gli studenti interessati a seguire il corso sono pregati di iscriversi (mediante mail e pw istituzionali) perché su questo sito verranno messi a disposizione le registrazioni delle lezioni, il materiale didattico e le traduzioni dei testi inediti. Per ora è stato caricato il programma del corso che si terrà quest’anno nel secondo semestre.

69

Behind the scenes of eighteenth-century music and theatre

Voltaire Foundation

Operahuset Gustaf Nyblaeus (1783–1849), Interior from Gustav III’s opera house, scene from Méhul’s Une folie, which was performed at the Opera from 1811 onwards. Photo credits: Nationalmuseum, Stockholm. Licence: CC BY SA.

In recent years cross-disciplinary encounters and research agendas have stimulated an upsurge of interest in the history of early modern and eighteenth-century music and theatre, resulting in new insights into musical methods, artistic milieus and hubs, and the professional practices of actors and musicians.

It was clearly an opportune time to weave these strands into a single publication.

The story of our book began on the shores of the Mediterranean, where two ANR research programmes (CITERE and THEREPSICHORE) and one Academy of Finland research project (‘Comic opera and society in France and Northern Europe, c.1760–1790’) pooled their resources to stage a series of research meetings that enabled a thought-provoking exchange of ideas between historians, literature specialists, linguists…

View original post 398 more words

Prossimi appelli

I prossimi appelli di Storia della filosofia (studenti di Filosofia) e Fondamenti filosofici delle discipline psicologiche (studenti di Scienza e tecniche psicologiche)

12 febbraio 2018 – appello aperto a tutti

19 aprile 2018 – appello aperto a tutti

21 maggio 2018 – appello riservato ai laureandi

11 giugno 2018 – appello aperto a tutti

9 luglio 2018 – appello aperto a tutti

11 settembre 2018 – appello aperto a tutti

 

Per gli altri studenti di Scienze della formazione invece gli appelli sono questi

19 febbraio 2018
9 aprile 2018
05 giugno 2018
19 giugno 2018
02 luglio 2018
10 settembre 2018
24 settembre 2018

Per questi ultimi la verbalizzazione sarà cartacea per cui prego i signori studenti di presentarsi muniti di statino

Alvearium: Call for Papers

La rivista Alvearium, con l’obiettivo di favorire una sempre più ampia partecipazione di quanti sono interessati alle tematiche della storia della filosofia, a partire dal numero 11 (2018) introduce una sezione di Call for Papers. Gli autori sono invitati a presentare un articolo su un argomento di loro interesse, coerente con il tema del prossimo numero (La verità) o su altro argomento di carattere filosofico (che sarà ospitato nella sezione “Varia”). Gli articoli dovranno essere inviati all’indirizzo coordinamento.alvearium@gmail.com, in conformità alle norme editoriali disponibili sul sito della rivista: http://www.cartesius.net/menu/alvearium Gli articoli verranno sottoposti ad un processo di Double Peer Review. Entro 30 giorni dalla ricezione, la redazione comunicherà agli autori se il loro articolo verrà ammesso o meno al processo di revisione.

cropped-ghiacciaia22

Sade: a national treasure?

Voltaire Foundation

What do Ian McKellen and the Marquis de Sade have in common? They’re both national treasures in their respective countries.

Manuscript of Les Cent vingt journées de Sodome.

In Britain, a national treasure is someone who’s been around for quite a while, and generally regarded with respect and affection. Think Judi Dench and David Attenborough, Joanna Lumley and Alan Bennett, who are probably Britain’s favourite national treasures even though they might blanch at the label. Such is the enduring love for these reassuring yet sometimes quirky figures that even when scandal strikes – as when La Lumley was embroiled in that ghastly garden bridge brouhaha – we collectively sigh, shrug and continue in our comfortable love. This points to a trait common to many British national treasures: their pasts as well as their presents are rarely conservative. Though they may have a traditional keep-calm-and-carry-on attitude, there’s often something irreverent…

View original post 819 more words

Two Years On: the State of the Studies, by the General Editor

Voltaire Foundation

The arrival of the New Year of 2018 marks two years since I began as General Editor of Oxford University Studies in the Enlightenment. The past two years have been rather dramatic ones for the nations in which most of our readers and authors live, in ways in which the study of the literature and culture of the eighteenth century might seem to be either irrelevant or utopian. The cosmopolitan and rationalist spirit of the Enlightenment has been all too scarce among our leaders.

From a liberal perspective, the events of the past two years have provided an unending series of coups de théâtre. We have seen major political peripetiea in the UK and the US, with parallel subplots of unexpected reversals of fortune in Italy, Germany and Austria. Where the political plot has not been tragic it might best be characterised as ‘labyrinthine confusion’, most notably in…

View original post 848 more words