Colloque International Thomas Hobbes

thomashobbes

 

Colloque International Thomas Hobbes

Advertisements

Calendario degli esami

Qui troverete il calendario degli esami. Sono indicati tutti gli appelli previsti fino al 18 febbraio 2019 (ovviamente è possibile che alcune date siano modificate, ma verrete sempre avvisati).

Ricordo che le studentesse e gli studenti che debbono sostenere gli esami con i programmi della professoressa Giulia Belgioioso e della professoressa Siegrid Agostini (facoltà di Scienze della formazione) debbono iscriversi ai mie appelli portando tranquillamente il programma in loro possesso o concordato.

Poiché per i vostri appelli non è possibile l’iscrizione on line siete pregati di presentarvi all’appello con lo statino debitamente compilato poiché si procederà con la verbalizzazione cartacea.

Les Singularités de la nature

Voltaire Foundation

Note manuscrite Note manuscrite de Voltaire dans l’Histoire naturelle de Buffon, 15 vol. (Paris, 1749-1767), BV572, cote 6-295, t.1, face à la page 64 (Bibliothèque nationale de Russie, Saint-Pétersbourg).

On ne se trompera pas beaucoup en affirmant que Les Singularités de la nature sont l’œuvre de Voltaire la plus méconnue – que ceux qui l’ont lue en entier ou à peu près lèvent la main! Les critiques les mieux disposés à l’égard du philosophe la couvrent d’un voile pudique et passent leur route, accréditant un peu plus l’image caricaturale faite d’idées reçues et de jugements à l’emporte-pièce et parfaitement résumée dans cette déclaration d’Emile Guyénot: ‘Il est vraiment difficile de dissimuler sous des prétentions à l’esprit autant d’ignorance, de mauvaise foi, de suffisance et de simple bêtise’.[1] On trouvera d’autres citations du même acabit dans l’édition critique qui vient de paraître (Œuvres complètes de Voltaire, t.65B) et…

View original post 715 more words

Docenti universitari/e per lo ius soli – ius culturae

Docenti universitari/e per lo ius soli – ius culturae.
Come docenti universitari/e vogliamo prendere una chiara posizione sulla legge in discussione al Senato della Repubblica che introduce alcune tutele minime per l’acquisizione della cittadinanza italiana da parte dei minori.
Si tratta di una proposta di legge che riconosce il valore fondante della scuola per costruire il pieno sviluppo di ciascuna persona e l’effettiva partecipazione di tutte e tutti all’organizzazione sociale, culturale, politica ed economica dell’Italia. Non approvare questa legge significherebbe alimentare il razzismo che attraversa la nostra società.

Noi che lavoriamo nelle università, l’ultimo livello del percorso di studi, pensiamo che le nostre studentesse e i nostri studenti – che sono nati in Italia da genitori stranieri o sono arrivati in Italia da minori e qui hanno frequentato le scuole – debbano aver il diritto di ottenere la cittadinanza.

È inaccettabile costringere dei giovani a diventare “stranieri per legge” al compimento dei diciotto anni, facendoli cadere nella morsa burocratica dei permessi di soggiorno e nella minaccia di non poter più vivere nel paese in cui hanno vissuto da sempre o da tanto e importante tempo.

Nelle aule universitarie nessuno deve sentirsi straniero/a, tutte e tutti devono poter studiare con la stessa speranza di futuro.

Sosteniamo quindi l’appello delle/gli insegnanti della scuola e nello stesso periodo, dal 3 ottobre al 3 novembre, organizzeremo negli atenei italiani iniziative per promuovere l’approvazione della legge.

Promotrici:
Silvia Cristofori
Vinzia Fiorino
Chiara Giorgi
Alessandra Gissi
Valentina Mangano
Sabrina Marchetti
Renata Pepicelli
Valeria Ribeiro Corossacz
Enrica Rigo
Laura Ronchetti

 

per aderire qui