From catechisms to Voltaire: Religious tradition and change in eighteenth-century novels

Voltaire Foundation

Scholars of the Enlightenment have tended – like intellectual historians generally – to stress the movement’s newness, rather than its continuities with the past. Yet these continuities are many, and none are so little explored, perhaps (pace Carl Becker’s Heavenly City of the Eighteenth-Century Philosophers), as religious continuities, with religion conceived not in theological terms, but as an everyday praxis of rituals, prayers, and religious reading.

Les Lumières catholiques et le roman français, edited by Isabelle Tremblay, is the January 2019 volume of the Oxford University Studies in the Enlightenment series.

No doubt some of the problem lies in essentialist concepts of ‘religious tradition’. In fact, traditions change over time, in response to specific historical configurations. One of the insights of Philippe Martin’s too-little-noticed Une religion des livres (1640-1850) is that popular devotional titles, such as catechisms and prayer books, were continually adapted and rewritten throughout the…

View original post 980 more words

lettera n° 14 : 8 gennaio 1927 : a Giulia

Antonio Gramsci : le lettere dal carcere

Mia carissima Julca,
ho ricevuto le tue lettere del 20 e del 27 dicembre e la cartolina del 28 con la firma autentica di Delio. Ho cercato di scriverti diverse volte: non sono mai riuscito. Dalle tue lettere vedo che Tania te ne ha spiegato il motivo un po’ puerile, è vero, ma tuttavia decisivo finora. Mi ero proposto
di scrivere per te una specie di diario, una serie di quadretti su tutta la mia vita in questo periodo originale e sufficientemente interessante: lo farò indubbiamente. Voglio cercare di darti tutti gli elementi perché tu sia in grado di rappresentarti la mia vita nel suo complesso e nei particolari piú
notevoli. Cosí tu dovrai fare per te. Mi piacerebbe tanto sapere quali rapporti si vanno sviluppando tra Delio e Giuliano: come Delio concepisce ed esprime la sua funzione di fratello maggiore e piú ricco di esperienza.
Carissima Giulia, domanda al…

View original post 282 more words

Il faut se plonger dans l’Essai sur les mœurs

Voltaire Foundation

Le titre est trompeur. Le lecteur peut croire que l’Essai sur les mœurs et l’esprit des nations est une brochure rassemblant des réflexions générales sur les diverses façons de vivre et de juger des hommes, comme on en a tant produit au siècle des Philosophes. Il s’agit en réalité du plus gros livre sans doute qu’ait écrit Voltaire, en pas moins de 197 chapitres, et d’une histoire du monde entier assez détaillée, d’ailleurs publiée d’abord sous le titre d’Abrégé de l’histoire universelle. Il a fallu sept épais volumes à la Voltaire Foundation pour en publier une édition nouvelle dans les Œuvres complètes.

Essai sur les moeursOCV, t.21-27: l’ensemble complet de l’Essai, t.I-IX.

Le projet de l’écrivain entre dans ces programmes ambitieux qu’a lancés le Siècle des Lumières pour embrasser l’ensemble des faits ou des connaissances, comme L’Esprit des lois qui cherche à analyser les lois de…

View original post 1,032 more words

lettera n° 13 : 7 gennaio 1927 : a Tatiana

Antonio Gramsci : le lettere dal carcere

Carissima Tania,
ho ricevuto la tua lettera del 4 gennaio, un pacco contenente oggetti di toilette e il sacco da viaggio e un secondo pacco contenente dei panettoni che però deve essere giunto con molto ritardo.
Davvero non posso accettare il consiglio di… trovare dei capricci. Purtroppo, nella condizione in cui devo vivere, i capricci nascono da soli: è incredibile come gli uomini costretti da forze esterne a
vivere in modi eccezionali e artificiali sviluppino con particolare alacrità tutti i lati negativi del loro carattere. Specialmente gli intellettuali, o, per meglio dire, quella categoria di intellettuali che in italiano volgare si chiamano mezze calzette. I piú calmi, sereni e misurati sono i contadini; poi vengono gli operai, poi gli artigiani, quindi gli intellettuali, tra i quali passano raffiche improvvise di follia assurda e infantile. Parlo naturalmente dei confinati politici, non dei coatti comuni, la cui
vita è primitiva ed elementare…

View original post 614 more words